AREA RISERVATA

Home  /  L'Ospedale  /  Tecnologie

Tecnologie

BEAMER CONMED Elettrobisturi ad Argon per procedure di Endoscopica

STORZ DUOLITH per terapie a onde d'urto focalizzate

ECOCARDIOGRAFO SIEMENS ACUSON SC2000 per applicazioni cardiologiche

ECOTOMOGRAFO SIEMENS ACUSON S1000 per applicazioni di senologia

ECOTOMOGRAFO SIEMENS ACUSON S2000 multidisciplinare

Densitometro Hologic - QDR Explorer

TAC Aquilion 32

P.A.C.S.

Ecocardiografo ARTIDA


Lab.E.L. System


 Conmed Beamer System CE600

Conmed Beamer System CE600


Conmed Beamer System CE600
è una piattaforma elettrochirurgica appositamente progettata per l'uso in Endoscopia digestiva e offre diversi tipi di funzioni ad alta frequenza, ciascuna delle quali è ottimizzata in modo da soddisfare tutti i requisiti chirurgici-endoscopici specifici. Dispone della tecnologia di Radio Frequenza più avanzata ed offre i più elevati standard di sicurezza. Beamer System utilizza per tutti i programmi di taglio un sistema di auto-controllo chiamato ACE (Automatic Cutting Effect) che consente di ottenere un taglio efficace controllato.




Storz Duolith

storz

Storz Duolith è il frutto dell'evoluzione tecnologica di sistemi per la terapia extracorporea ad onde d'urto con alta efficacia terapeutica. Il modello acquisito dall'Ospedale Villa Salus è equipaggiato con due sorgenti: una "microsorgente" di onde d'urto focalizzate ad alta energia, il cui progetto deriva direttamente dalla ben collaudata Sorgente Cilindrica Elettromagnetica progettata da Storz. Il secondo dispositivo di terapia, invece, è costituito da una sorgente di onde radiali a bassa energia (RSWT) il cui impiego viene esteso a tutte le applicazioni terapeutiche possibili.



Ecocardiografo SIEMENS ACUSON SC2000

ecocardio



Il sistema SC2000 è una piattaforma ecocardiografica avanzata (si tratta del top di gamma promossa da SIEMENS), che unisce motore ecografico ad alta velocità di trasmissione dei dati con una serie di applicazioni tecnologicamente avanzate a atte a semplificare l'esame. 








Ecotomografo SIEMENS ACUSON S1000


ECOTOMOGRAFO

Il sistema ACUSON S1000 è un nuovo membro della famiglia di soluzioni ad ultrasuoni "Premium" ACUSON S. Tale sistema comprende lo stato dell'arte degli ultrasuoni, avendo a bordo tecnologie di alta risoluzione, prestazioni di imaging eccellenti e applicativi versatili. 





Ecotomografo SIEMENS ACUSON S2000


acuson s2000

ACUSON S2000 è il sistema SIEMENS multidisciplinare e per imaging generale, che tramite tecnologie avanzate proprietarie, fornisce informazioni complete per effettuare diagnosi differenziate anche nei casi più difficili. Con l'imaging stellare B-mode e Doppler, lo strumento offre immagini in alta risoluzione e applicazioni avanzate per una facile visualizzazione e caratterizzazione dei tessuti.  







 Densitometro Hologic - QDR Explorer
dexa
La densitometria ossea, definita anche MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata), é un esame diagnostico fondamentale per la valutazione dello stato di salute delle ossa. Determina infatti la massa ossea, ovvero la quantità di calcio e altri minerali (fosforo, fluoro, magnesio) che conferiscono all'osso notevoli proprietà come durezza, rigidità e resistenza. La procedura di riferimento attuale è la Densitrometria ossea con tecnica di assorbimento a raggi X (DEXA), considerata il Gold Standard per la diagnosi e il monitoraggio di osteopenie e osteoporosi.
L'Ospedale Villa Salus propone un'apparecchiatura per densitometria ossea di tecnologia evoluta progettata da Hologic, tra le aziende leader del settore, e nella fattispecie il modello QDR Explorer per scansione rachide lombare in postero/anteriore, femore, avambraccio e corpo nella sua interezza (Total Body). Il Densitometro a raggi X QDR Explorer è a doppia energia, con bassa dose incidente il paziente e con un sistema automatico di calibrazione e stabilizzazione.
Pur utilizando la moderna tecnologia FAN BEAM, non richiede alcuna schermatura dei locali.
I vantaggi di questo Densitometro rispetto alle tecniche radioscopiche sono evidenti:
- basse dosi di radiazioni ionizzanti incidenti sul paziente
- riduzione dei tempi dell'esame (in media, una decina di minuti)
- migliore qualità dell'immagine in termini di risoluzione e precisione
- non è richiesta al paziente alcuna preparazione specifica
- l'indagine è assolutamente indolore e non invasiva
Il paziente, dopo aver tolto ogni oggetto metallico, viene fatto accomodare sul lettino in posizione supina. Sotto il materassino risiede la sorgente di emissione dei raggi X, mentre al di sopra è presente un detettore rotante che scorre sopra il corpo del paziente, acquisendo i fasci di raggi X attenuati dal distretto corporeo indagato. L'esame può essere eseguito su qualsiasi paziente (per le pazienti in età fertile può essere eseguito solo se è possibile escludere lo stato di gravidanza).

TAC Aquilion 32

AQUILION 32 è una TAC multislice di ultima generazione a rotazione continua e con workstation indipendente, ideale per indagini sia su pazienti ambulanti che in emergenza, con particolare completezza di elementi. Gli esami sono realizzabili su tutti i distretti corporei, total body e cerebro spinali. Si tratta di un tomografo computerizzato a 32 strati di ultima generazione, espandibile a 64 strati, che permette di eseguire gli esami riducendo il tempo in cui il paziente deve stare immobile. Un sistema, quindi, che produce evidenti vantaggi soprattutto nel trattamento di pazienti anziani o in condizioni cliniche critiche, e rappresenta anche la soluzione ideale per esami su pazienti neonatali e pediatrici.
Molto veloce nelle procedure di acquisizione e ricostruzione delle immagini, AQUILION 32 è stata progettata con la tecnologia più moderna ed efficace nel controllo e nella riduzione della dose di irradiazione al paziente.
Tale tecnologia permette inoltre
-   un fine dettaglio delle immagini con possibilità di definizione di 
     0,5mm che rende possibile l'identificazione di lesioni piccolissime
-   di effettuare ricostruzioni 3D
-   di eseguire valutazioni funzionali
AQUILION 32 consente anche lo studio endoscopico virtuale delle cavità e, in particolare, viene utilizzata per effettuare la colonscopia non invasiva. In un tempo ridotto e con la semplice insufflazione di aria, può essere valutato lo stato della mucosa intestinale che, grazie alla ricostruzione 3D dell'intero colon potrà essere valutata nel suo complesso.
È pertanto possibile un esame preventivo di alterazioni intestinali potenzialmente destinate a divenire maligne.
AQUILION 32 è capace di acquisire 80 strati isotropici da 0,5 mm al secondo ed è dotata di pacchetti softwere avanzati, inoltre permette lo studio dell'apparato vascolare centrale, periferico e delle coronarie.



PROGETTO P.A.C.S. (picture archiving and communication systems)


Dal 1 luglio 2008 è a regime il sistema PACS per la gestione delle immagini radiologiche.
La dotazione del reparto conta:
- un server PACS DELL PowerEdge 2009 XEON Dual Core per l'archiviazione delle immagini;
- due postazioni CR per la digitalizzazione delle immagini mammografiche e radiologiche analogiche;
- un server per la digitalizzazione delle immagini TAC;
- quattro "work stations" per la refertazione on-line, dotate ognuna di due monitor BARCO da 2Mp (3Mp per la refertazione mammografica);
- un PC client in ogni sala diagnostica per la gestione delle liste da parte dei tecnici. 
All'impianto si aggiungono: due dispositivi Rimage 2000i con doppio masterizzatore, per la stampa dei supporti CD da consegnare ai pazienti e la stampa dei supporti DVD per il back-up dell'attività.

I software installati permettono:
- la refertazione a video delle prestazioni, con visualizzazione di referti e immagini sui monitor dedicati;
- la stampa in formato DICOM su stampante laser delle immagini;
- la distribuzione ai reparti di degenza delle immagini diagnostiche e dei referti in formato elettronico;
- la distribuzione ai pazienti esterni delle immagini diagnostiche su supporti ottici (CD) in alternativa alle tradizionali lastre;
- la completa integrazione fra il PACS e il RIS della struttura.
L'avvio della gestione computerizzata delle immagini radiologiche ha comportato una profonda riorganizzazione dell'attività, con risultati importanti per la sicurezza del trattamento dei dati. In particolare, il dato (immagine e referto) è disponibile immediatamente in tutti i punti abilitati nell'Ospedale per tutti (e solo) i sanitari, evitando così il trasporto fisico di lastre e documenti cartacei attraverso la struttura, e quindi, in prospettiva, disponibile anche alla consultazione dei sanitari esterni alla struttura (consulenti e medici di base). 


ECOCARDIOGRAFO ARTIDA



Viene detta «TAC del cuore» e si presenta come la nuova frontiera in fatto di diagnostica della pompa umana. E' in grado di ricostruire i suoi movimenti attraverso un sistema quadrimensionale, consentendo diagnosi precise in fatto di cardiopatie e complicanze cardiovascolari.
A offrire possibilità fino a ieri sconosciute è l'ecocardiografo 4D Real Time ARTIDA di Toshiba. L'apparecchiatura di nuova generazione costituirà un valore aggiunto di notevole impatto per quanto riguarda l'offerta diagnostica per immagini dell’Ospedale Villa Salus. Quello entrato in funzione a Mestre è l'unico esemplare presente in tutto il territorio del Nordest e uno delle sei unità attivate in tutta Italia. Normalmente l’esame prevede immagini a due dimensioni, ora con la «TAC del cuore» si è in grado di effettuare una ricostruzione volumetrica non statica bensì in movimento del cuore. Il tutto con una notevole velocità di calcolo. Con una tale metodica si potranno evidenziare malattie a carico del cuore e cogliere anzitempo le patologie che potrebbero condurre all'infarto.
Toshiba ARTIDA è il primo ecocardiografo prodotto espressamente per essere in grado di gestire lo studio e l’analisi in tempo reale degli aspetti tridimensionali globali della cinetica cardiaca (3D Wall Motion Tracking) ed è in grado di valutare tutti i relativi possibili parametri contemporaneamente, per tutti i segmenti miocardici, all’interno di un solo battito cardiaco.

È anche il primo sistema ad essere interamente progettato per la gestione degli esami ecocardiografici quadrimensionali in tempo reale.
Ogni componente o sottosistema di ARTIDA, sia hardware che software, è stato espressamente disegnato per integrarsi modularmente in ogni ambiente tecnologico di eccellenza, caratterizzato da soluzioni tecniche ed ergonomiche assolutamente originali ed innovative, inimmaginabili fino a pochi anni fa. L’intero progetto si basa su un’intuizione di ordine generale circa l’approccio all’esame in termini complessivi, per consentire l’analisi dei dati correlati alle funzioni cardiache da un punto di vista ecografico globale, in modo da considerare cioè ogni elemento oggetto dell’indagine ecocardiografica come parte di un sistema in continuo movimento nelle tre dimensioni dello spazio e non più soltanto come singoli piani che lascino intravedere parte delle componenti delle variabili in gioco lungo delle direttrici arbitrarie, di conseguenza difficilmente riproducibili.

ARTIDA rivoluziona dunque di fatto l’approccio tradizionale per il quale finora si è proceduto a considerare parzialmente singoli aspetti meccanici, cinetici ed emodinamici tramite singole proiezioni ecografiche e metodiche differenti, con il compito di correlare tutti questi aspetti, le relative informazioni  e dati numerici interamente demandato all’operatore. ARTIDA consente invece di pensare in 4D, fornendo informazioni complessivamente quadrimensionali, in modo da liberare l’operatore quanto più possibile dal compito di correlare anche matematicamente i datti acquisiti e di concentrarsi dunque sull’esecuzione dell’esame e sul paziente.

 Per approfondire vai su www.adkamerica.com/ArtidaMicrosite.html



Lab.E.L. System



Lab.E.L. (Labelling Encoding and Logging) è un sistema tecnologico che permette di automatizzare la fase di allestimento e predisposizione del materiale per il prelievo di sangue o la raccolta di altro campione biologico da sottoporre ad analisi.
Il sistema permette di predisporre in un kit-paziente le provette già correttamente etichettate ed effettuare il prelievo al paziente eliminando la possibilità di errori dati dell'uso di provette non appropriate per tipologia, se non addirittura appartenenti ad altra persona.
I vantaggi sono evidenti e molteplici:
- automazione di una procedura che elimina la possibilità di errore nel posizionamento dell'etichetta, nell'identificazione del paziente, nell'utilizzo delle provette appropriate;
- tracciabilità della tipologia di provetta utilizzata, sia per tipo che per lotto di produzione, con possibilità di risalire al materiale utilizzato,
- predisposizione del materiale all'interno di un kit-paziente sigillato che permette di eliminare il rischio di manipolazione, alterazione o smarrimento del materiale da prelievo;
- possibilità di tracciare tutti gli eventi con riconoscimento degli operatori e della tempistica,
- aumento dell'efficienza della fase del prelievo con riduzione dei tempi di attesa per effetto dell'automazione della fase di applicazione delle etichette.


Data ultimo aggiornamento: 01-08-2017