AREA RISERVATA

Home  /  L'Ospedale  /  Storia

Storia

La struttura, insediata in una Villa Veneta del '700 dimora della famiglia Ivancich Revedin, è condotta, dal secondo dopo guerra, dalla Congregazione delle Suore Mantellate Serve di Maria, sorta nel 1861 a Treppio, paesino della montagna pistoiese, per opera di Filomena Rossi e Giovanna Ferrari, chiamate al servizio dell'istruzione e della cura degli infermi. La Congregazione, approvata nel 1909 da Papa Pio X ed estesasi anche in America del Nord e Africa, nel 1952 trasformava la struttura in Casa di Cura con la denominazione "SALUS", per qualificarla come luogo terapeutico sia in senso fisico che psichico.
Negli anni successivi la Congregazione ha continuato il proprio servizio, disponibile alle indicazioni della Chiesa ed attenta ai segni dei tempi, apportando significative modifiche strutturali ed organizzative, sino ad ottenere nel 1985 la classificazione di Ospedale a tutti gli effetti.
Con tale titolo l'Ospedale Villa Salus, inserito nel SSN, eroga prestazioni in regime di ricovero ed ambulatoriale, con l'obiettivo fondamentale di fornire una assistenza di qualità in un adeguato contesto umano ed ambientale, nel rispetto dei valori della vita e della dignità dei pazienti.







Attualmente il complesso vede il lato est dell'antica villa affacciarsi sul cortile interno, reso accogliente dal giardino, adibito a sede degli uffici amministrativi ed abitazione delle Suore.
Reparti di degenza, ambulatori e servizi si trovano invece nelle due nuove ali del fabbricato costruite, per criteri di funzionalità, con una più moderna geometria delle linee architettoniche e così collocati:





piano interrato:
Servizio di Radiologia, Magazzino Farmaceutico, Sala Convegni;
piano terra: Accettazione, Laboratorio Analisi e Microbiologia, Poliambulatori;
primo piano: Gruppo Operatorio, Ginecologia, Chirurgia Generale;
secondo piano: Medicina Generale -Lungodegenza;
terzo piano: One Day Surgery Multidisciplinare, Poliambulatori;
quarto piano: Medicina Fisica e Riabilitativa;
quinto piano: Poliambulatori.


Perché un ospedale classificato?

L'Ospedale Villa Salus si inserisce nel più ampio filone di opere nate dall'intelligenza e carità di uomini e donne che hanno tentato, durante tutta la storia della cristianità, di rendere opera la loro fede nella costruzione di ospedali, scuole, luoghi di accoglienza dei più bisognosi, luoghi di educazione e di promozione del popolo, ecc.

Con una legge del 1968 (L. 132/68) lo Stato riconosce l'operato di quelle strutture sanitarie, i c.d. Ospedali Classificati appunto, che, pur non essendo di proprietà pubblica, svolgono di fatto un servizio pubblico in quanto hanno un ruolo essenziale nell'ambito della programmazione sanitaria. Tali strutture sanitarie sono state conseguentemente equiparate agli erogatori pubblici. La classificazione e l'equiparazione sono state poi confermate dalle successive leggi di riforma sanitaria (L. 833/78, L. 502/92, L. 229/99)

Si tratta, in sostanza, del riconoscimento di un principio di sussidiarietà, secondo il quale un servizio pubblico può essere svolto anche da un soggetto non pubblico, purché rispetti determinate caratteristiche che sono:

- il carattere NO PROFIT dell'attività, per cui ogni eventuale avanzo di gestione viene reinvestito nel potenziamento della struttura;
- l'approvazione, da parte del Ministero della Sanità (ora Ministero della Salute), di una pianta organica e di un Regolamento tecnico-organizzativo che garantisca l'adozione di determinanti requisiti;
- l'acquisizione di personale sanitario tramite concorso pubblico.

L'Ospedale Villa Salus, pertanto, come tutti gli altri ospedali classificati in Italia, si pone come soggetto che opera a pieno titolo nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale, ma che, in base ai suoi scopi e principi fondatori, vuole offrire qualcosa in più, sia in termini di prestazioni offerte, sia in termini di qualità e contenuto, dei semplici standard tecnologici, organizzativi e qualitativi previsti dalle norme statali e regionali.

Intelligenza e carità vanno oltre i principi di razionalità ed equità che muovono una qualsiasi struttura pubblica. La differenza consiste nel porsi di un soggetto libero e responsabile che agisce e opera nella storia degli uomini.


Data ultimo aggiornamento: 01-08-2017